Quali Esercizi Fare per Prepararsi a Sciare

Risulta essere per molti il momento della settimana bianca o per una bella gita sulla neve. Ma si è pronti per sciare?
La cosa più pericolosa è passare improvvisamente da una vita sedentaria all’indossare gli sci: il rischio di infortuni è elevatissimo ed è meglio non farsi trovare impreparati al momento della prima discesa.

Sebbene sia sempre meglio allenarsi regolarmente, bastano comunque pochi esercizi nei giorni precedenti all’arrivo in montagna per preparare il corpo all’attività fisica, riducendo sensibilmente le possibilità di avere infortuni con lo sci.
Ecco di seguito una serie di esercizi per prepararsi a sciare. Si consiglia di svolgerli regolarmente, meglio se quotidianamente, almeno per i 10/15 giorni che precedono la prima discesa.

Gli squat: funzionali per prepararsi a sciare, allenando i quadricipiti e la postura. Piegarsi sulle gambe e mantenere il busto in posizione eretta, con le braccia protese parallele al pavimento. Con gli squat sono sollecitati anche gli adduttori e gli abduttori. Si consigliano tre serie ripetute da 30 secondi l’una, aumentando progressivamente la quantità con l’avvicinarsi della sciata.

Piegamenti e flessioni: sono esercizi per prepararsi a sciare molto utili perché stimolano bicipiti e spalle, che saranno fortemente sollecitati durante lo sci. Se non ci si allena da mesi e mesi, basta iniziare con tre serie da 5 al giorno aumentando però regolarmente la quantità giorno dopo giorno.

Addominali: qualunque sia la disciplina scelta, l’addome nello sci è sempre soggetto a stress. Bisogna evitare dolori eccessivi e contratture facendo gli addominali nei giorni precedenti alla sciata. Anche in questo caso, se non si è attivi da mesi, basta iniziare con tre serie da 20 ripetute al giorno aumentando day by day la mole di lavoro. Priorità massima agli addominali obliqui, che servono per prepararsi ai movimenti dello sci.

Dorsali: da posizione eretta, toccare le punte dei piedi (o almeno avvicinarsi quanto possibile) per poi con le braccia verso l’alto recuperare la posizione di partenza. Chi è fuori allenamento può iniziare con tre serie da dieci ripetizioni.
Si raccomanda di eseguire questi esercizi molto lentamente all’inizio, per evitare traumi che potrebbero compromettere proprio la gita sulla neve.